BE A BEAR

Be a Bear è noto per essere il primo artista nella discografia italiana ad utilizzare l’iPhone per comporre, registrare, mixare e quindi produrre per intero la propria musica.

Nel 2016 pubblica “Push-e-Bah” (La Fame Dischi) e, dopo “Time” (La Fame Dischi), ep uscito nel 2017, lo scorso 4 maggio ha pubblicato il nuovo album “Climb Your Time” (La Fame Dischi). 

Il 18 aprile, in anteprima su D.L.S.O., è uscito il videoclip di “About links“, che vede il featuring di Gabriele “Grigio” Gaggioli, apprezzatissimo artista bolognese, prima leader dei Coffee Shop ed attualmente in procinto di lanciare il suo progetto solista.

Say Goodbye“, che vede il featuring di Victor de Jonge, voce storica de Le Braghe Corte, ed attuale leader dei The Hangovers, è uscito il 20 giugno in anteprima su Rock.it.  Il videoclip, patrocinato dal Comune di Ascoli Piceno, è stato scritto e diretto dal pluripremiato Valerio Cappelli e vede come direttore della fotografia Alessio Panichi, fotografo ufficiale di Dardust

Quello dell’orso più tecnologico d’Europa è un progetto nuovo, originale e sperimentale, che ha lo scopo di dimostrare che con poco si può fare molto, ispirandosi semplicemente alla vita quotidiana.

“Climb Your Time” (2018 – La Fame Dischi), “Time“ (2017 – La Fame Dischi) e  “Push-e-Bah” (2016 – La Fame Dischi), sono la chiave per entrare nella tana di Be a Bear nome dietro il quale si cela Filippo Zironi, orso bolognese nato e cresciuto per 15 anni nello ska-punk firmato Le Braghe Corte, e che oggi ha un progetto tutto suo, strano, dalla semplicità assoluta e proprio per questo piuttosto geniale. Una base elettronica che si miscela con la vecchia scuola del rock e i suoni della natura, in cui la voce non è melodia ma immagine, video e montaggio emozionale dal messaggio chiaro e positivo.

Cosa ci vuole dire Be a Bear? Che la musica si può creare con mezzi semplicissimi, magari pensando che tutto sommato è strettamente legata a quello che fai tutti i giorni e che alla fine non è un modo per sfuggire da tutto e tutti, ma per avvicinarsi al nucleo del sentire comune.

La sua musica è stata già scelta per alcuni spot: la Mecatech ha scelto “Fun” per lo spot dedicato alla Mecatech FW01, macchinina radiotelecomandata campione del mondo e lo street artist internazionale Millo ha usato “Back in the days” per il timelapse dell’opera realizzata ad Ascoli Piceno nel 2016.  Anche la Roland DG ha scelto “Back in the days” per lo spot del Fashion Day 2016 e il brano “Electromoon Feeling” per il Roland Dealer Day 2017. 

spotifyyoutubesoundcloud

facebookicona

Richiesta di contatto:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto (richiesto)

Il tuo messaggio

Ai sensi dell'articolo 13 del D.Lgs. 196/2003, autorizzo espressamente il trattamento dei miei dati personali.

Booking

Alessandro Piccioni
Tel: +39 392 7248964
Mail: booking@ilpiccio.net
Skype: piccioap