terrani-300x200

Da bambini i nostri genitori ci insegnano quanto sia importante avere il senso del limite. In questo caso penso di poter dire che ad essere oltrepassato è stato “il senso del ridicolo”. Quando si parla a nome dei cittadini è bene metterci la faccia e firmarsi altrimenti mi viene il dubbio che tale protesta sia invece una polemica di un singolo cittadino che ama parlare al plurale a nome di non meglio precisati residenti, con buona pace dei giornali che se dovessero pubblicare lettere di ogni singolo cittadino a favore delle nostre manifestazioni forse dovrebbero raddoppiare le pagine da stampare. Le notizie contenute nella lettera sono peraltro inesatte: le serate organizzate a luglio in Piazza Simon Bolivar non sono nove e non sono organizzate dalle stesse associazioni. Tre infatti risalgono a fine giugno e sono state promosse dall’associazione Diana per l’Africa con il patrocinio del Comune. A luglio si è svolto uno spettacolo teatrale in dialetto ascolano, quattro concerti del Festival alle Corde e due del Villa Pigna Blues Festival, oltre al tetro dei burattini ogni giovedì pomeriggio nel parco adiacente: manifestazioni promosse e finanziate dal Comune di Folignano in quanto parti integranti della programmazione culturale estiva comunale che ha voluto impiantare in quella piazza il suo cuore pulsante. L’associazione Defloyd ha collaborato con il Comune assumendo la direzione artistica e la gestione degli stand nel Festival alle Corde, da lei stessa ideato, e ha collaborato allo svolgimento del Blues Festival. Io penso che la nostra comunità dovrebbe essere orgogliosa di avere un’associazione come questa, composta da ragazzi, che opera sul territorio collaborando con l’amministrazione comunale nella promozione di eventi culturali e sostenendo una parte delle spese che altrimenti dovrebbe caricarsi il Comune. E fortunatamente a Folignano vi sono molte associazioni culturali, sportive e ricreative che operano con questo spirito e rappresentano un patrimonio da preservare e incentivare. Non è vero che c’è stato un costante sforamento dell’orario di chiusura, questo è avvenuto solo quando ci sono stati problemi tecnici e ritardi nelle esibizioni degli artisti e si è purtroppo andati oltre gli orari consentiti: me ne scuso a nome di tutti ma mi domando se nel frattempo sia morto qualcuno per qualche minuto in più di musica!
È paradossale ricevere critiche perché i giovani di un territorio presenti nelle istituzioni e nelle associazioni sono riusciti nel corso di questi tre anni ad animare un quartiere immobile e dormiente. Allora partimmo dal presupposto di riqualificare Piazza Simon Bolivar trasformandola da rotatoria per le auto a centro vitale di cultura e aggregazione giovanile, sapendo di vivere nel Comune più giovane delle Marche. Mi sembra che fin qui ci siamo riusciti abbastanza bene e fino a quando ci sarà questa amministrazione continueremo su questa strada. Adelante!

Matteo Terrani, Assessore alla Cultura del Comune di Folignano

 

2 thoughts on “ADELANTE!!!ADELANTE!!!

  1. Non so chi abbia protestato ma non abbiate paura, qualcuno a cui non va bene c’è sempre, è impossibile accontentare tutti. E questo l’assessore Terrani già lo sa.
    Tu Piccio non ti far condizionare, continua per la bella strada intrapresa e lascia perdere le (pochissime) critiche che non possono fare da contraltare a un’approvazione quasi plebiscitaria del tuo lavoro.
    Se si considerano le dimensioni del comune di Folignano la stagione estiva che avete approntato è a dir poco stupefacente. Scott Henderson ne è l’ultimo esempio, ma anche FInaz e soci, le cover band e il festival di chitarra.
    Complimenti, per quello che possano valere, da Petò

  2. Grazie mille Pierpa, non ti preoccupare non mi faro’ abbattere da nessuno, a me queste critiche caricano ancora di piu’ e lo dimostrero’ molto presto 😉
    per rigenerarmi e ricaricare le batterie il 28 luglio sono tornato a rivedere, per la seconda volta, l’unico vero SHOW che possa esistere nell’universo,cioe’ The Wall, ti dico solo questo!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *